Avvia la procedura di mediazione

Il procedimento di mediazione è:

obbligatorio nelle materie per le quali la mediazione è condizione di procedibilità:

  • condominio
  • diritti reali
  • divisione
  • successioni ereditarie
  • patti di famiglia
  • locazione
  • comodato
  • affitto di aziende
  • risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria
  • risarcimento del danno derivante da diffamazione a mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità
  • contratti assicurativi
  • contratti bancari
  • contratti finanziari

–  volontario (facoltativo) in tutte le altre materie che attengano a diritti disponibili

–  demandato dal giudice allorquando venga disposta dal magistrato in corso di causa, anche di appello

–  contrattuale quando sia prevista da una clausola contrattuale/statutaria

Il modello di istanza predisposto è valido per qualsiasi tipo di procedimento con la precisazione che nelle mediazioni obbligatorie va necessariamente indicato il nominativo dell’avvocato che presta assistenza all’istante mentre negli altri casi l’indicazione del legale è facoltativa ma comunque preferibile.

Il modello va compilato preferibilmente con modalità digitale in ogni sua parte e firmato dall’istante (uno o più soggetti ed in tal caso vanno compilati corrispondenti modelli per parti aggiuntive). Se compilato a mano l’Organismo declina ogni responsabilità per gli errori conseguenti a cattiva interpretazione della grafia.

All’istanza vanno allegati obbligatoriamente:

  • copia del/i documento/i di identità dello/gli istante/i;
  • la procura con l’elezione di domicilio rilasciata all’avvocato indicato (sempre nelle mediazioni obbligatorie);
  • la procura rilasciata dalle persone giuridiche (eventuale);
  • il provvedimento del giudice (mediazione demandata);
  • il contratto o lo statuto (mediazione contrattuale);

Il deposito dell’istanza avviene:

–        direttamente presso la sede legale (su appuntamento);

–        via fax o PEC indicate nell’istanza;

–        a mezzo del servizio postale raccomandato con AR;

Ricevuta l’istanza l’Organismo rilascia o trasmette, su richiesta, immediata ricevuta di avvenuto deposito.

SI AVVERTE CHE SIAMO ATTREZZATI PER SVOLGERE MEDIAZIONI A DISTANZA IN TELE/VIDEOCONFERENZA E SUCCESSIVA TRASMISSIONE DEGLI ATTI VIA PEC, SECONDO LE MODALITA’ COMUNICATE DALL’ORGANISMO.

TABELLA MINISTERIALE
(importi soggetti ad IVA – spese per ciascuna parte)

(salvi accordi diversi specie in presenza di un significativo numero annuo di pratiche)

SPESE DI AVVIO: Euro 40

Valore della lite

A)                   Fino a Euro 1.000: Euro 65;
B)                  
da Euro 1.001 a Euro 5.000: Euro 130;
C)                  
da Euro 5.001 a Euro 10.000: Euro 240;
D)                  
da Euro 10.001 a Euro 25.000: Euro 360;
E)                  
da Euro 25.001 a Euro 50.000: Euro 600;
F)                  
da Euro 50.001 a Euro 250.000: Euro 1.000;
G)                  
da Euro 250.001 a Euro 500.000: Euro 2.000;
H)                  
da Euro 500.001 a Euro 2.500.000: Euro 3.800;
I)                    
da Euro 2.500.001 a Euro 5.000.000: Euro 5.200;
L)                   
oltre Euro 5.000.000: Euro 9.200;
M)                  
indeterminato o indeterminabile: fino allo scaglione F.

 

SPESE VIVE E DIRITTI

(importi comprensivi di IVA – spese per ciascuna parte interessata)

–       per ogni notifica-comunicazione di avvio e intermedia a mezzo

        RAR                                                                                               €.  10,00

        PEC-Fax-Email                                                                               €.    5,00

–       per diritti di copia verbale e per ogni attestazione                        €.  10,00

–      per attività fuori sede: spese di trasferta e vacazione                  €. 1,50/Km                                

–      rinvio incontro: a carico della parte richiedente                             €. 50,00                                

–      incontro via cavo ovvero online: a carico della parte richiedente    €. 50,00                          
RIEPILOGO DELLE SPESE

–       Successo della mediazione (per ogni parte): avvio + indennità da scaglione di valore + 25% per successo + 20% complessità (eventuale; escluso per le mediazioni obbligatorie) + 20% proposta (eventuale), il tutto oltre IVA + spese vive e diritti

–       Insuccesso con adesione (per ogni parte): avvio + indennità da scaglione di valore (esclusa per le mediazioni obbligatorie concluse al primo incontro), il tutto oltre IVA  + spese vive e diritti;

–    Mancata partecipazione di parte convocata (per la sola parte istante): indennità per valore di €. 40,00 o 50,00 (esclusa per le mediazioni obbligatorie), il tutto oltre IVA  + spese vive e diritti.

–    Condizione di procedibilità (per ogni parte): indennità ridotta di un terzo fino a scaglione F), della metà per i restanti.

AVVERTENZE

–       Enti pubblici, istituti di credito e compagnie di assicurazione possono corrispondere spese e indennità in unica soluzione, al termine del procedimento, mediante bonifico. La medesima facoltà è concessa ai clienti degli Studi Legali che se ne assumano la garanzia.

–       I versamenti vanno effettuati con bonifico o assegno. Sono ammessi in contanti solo per importi inferiori a euro 250,00. L’IBAN è: IT29I0578741650042570194527.

Scarica il riepilogo della competenza territoriale di MEDIATIO (PDF)

Print Friendly, PDF & Email
Print Friendly, PDF & Email